20200127-ricvainscena - vid_ricvainscena

La ricerca va in scena.

Il convegno – organizzato a Firenze dalla Regione – ha messo a confronto ricercatori e istituzioni sull’importanza degli investimenti pubblici nello sviluppo.

La ricerca va in scena.
La ricerca va in scena.
1 of 1
20191128-MB_UE - UvanderL

MONICA BARNI SODDISFATTA PER l’INSERIMENTO DEI NOMI ‘RICERCA’ E ‘CULTURA’ NEL PORTAFOGLIO UE

La Vice Presidente della Regione Toscana, Monica Barni, e Presidente di Tour4Eu, l’Associazione che raggruppa a Bruxelles le Università e le Scuole toscane si è rallegrata del nuovo titolo assegnato al portafoglio della ricerca e cultura dalla appena insediata Presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen.

“Sono molto contenta che il nuovo portafoglio della Commissaria Mariya Gabriel si chiami ‘Ricerca, Innovazione, Educazione, Cultura e Gioventù’. In questi mesi la Regione Toscana e Tour4eu hanno sostenuto con forza l’introduzione delle parole ‘Ricerca e Cultura’ in questo portafoglio, visto che corrispondono a delle competenze fondamentali della nuova Commissione. Continueremo a batterci per un incremento del bilancio di Horizon Europe difendendo la soglia di 130 miliardi, al cui interno auspichiamo delle linee di finanziamento adeguato per gli ambiti Cultura, Educazione e Gioventù sia nel programma quadro di ricerca 2021-2027, che nei programmi tematici Erasmus plus, che Creative Europe. Faccio inoltre i miei migliori auguri alla Commissaria Mariya Gabriel dicendole che Tour4eu e la Toscana sono pronte ad avviare una proficua collaborazione su tutti i temi che riguardano il collegamento tra la ricerca e il nostro territorio.  Diamo appuntamento a tutti gli attori della ricerca in Toscana al prossimo 3 dicembre a Firenze con il seminario “la Ricerca va in scena” dove presenteremo i risultati della ricerca in Toscana e future prospettive alla presenza del Ministro Lorenzo Fioramonti e del Presidente Enrico Rossi”. Ha dichiarato Monica Barni.

20191106-COM_STAMPA - COM_STAMPA_20191106-2

Verso Horizon Europe (comunicato stampa)

Le sinergie tra Horizon Europe e gli altri programmi europei

Firenze, 30 ottobre 2019

Si è tenuto oggi presso l’Aula Magna del Rettorato l’incontro pubblico organizzato da APRE – Agenzia per la
Promozione della Ricerca Europea e dall’Università degli Studi di Firenze, in collaborazione con TOUR4EU
(Tuscan Organisation of Universities and Research for Europe), sulle possibili sinergie tra il nuovo Programma
Quadro per la Ricerca e l’Innovazione Horizon Europe e gli altri programmi europei.

L’iniziativa ha offerto l’occasione per un’attenta riflessione sullo scenario futuro dei fondi comunitari
connessi direttamente e indirettamente con il sistema di ricerca e innovazione, valutandone le opportunità
e le convenienze, ma anche le eventuali difficoltà riscontrabili nel processo di costruzione di sinergie.

Dopo i tradizionali saluti istituzionali del Prorettore Vicario dell’Università di Firenze, Vittoria Perrone
Compagni, e del Direttore di APRE, Marco Falzetti, l’evento è stato aperto dall’intervento del Viceministro
dell’Istruzione, Università e Ricerca, Anna Ascani.

Tra gli interventi hanno spiccato: quello di Magda De Carli, della DG Ricerca e Innovazione, che ha fornito un
chiaro quadro informativo sullo stato attuale delle sinergie tra i programmi, prevedendone le successive
evoluzioni in Horizon Europe e ricordando che gli aiuti di stato non rappresenteranno più un ostacolo per
l’attuazione delle sinergie nella prossima programmazione; e quelli di Annalisa Bogliolo, esperta della DG
Connect D.1 che ha illustrato il nuovo programma digital Europe e lo strumento dei Digital Innovation Hubs
per promuovere l’innovazione per imprese e autorità in ambito regionale oltre a August Escardino Malva,
Capo Unità “EIC Fund”, e Sara Pagliai, Coordinatrice dell’Agenzia Erasmus+ INDIRE e Giuliana di Francesco del
Mibact per il programma Europa Creativa.

Particolarmente rilevante, poi, anche il focus sul panorama nazionale con Nicoletta Amodio, di Confindustria,
Marco Bindi dell’Università di Firenze, Serena Angioli dell’Agenzia Nazionale per i Giovani e Angelita Luciani
della Regione Toscana. Angelita Giuliani Autorità di Gestione di POR CREO Toscana, ha ricordato che il
Programma Operativo Regionale toscano CREO impegna più della metà delle risorse per la Ricerca e Sviluppo
e che La strategia di specializzazione intelligente rappresenta il paradigma per tutte le politiche di R&I. Il fatto
che la commissione stia risolvendo il problema degli aiuti di stato per la programmazione prossima sarà
certamente un incentivo a promuovere le sinergie tra fondi.

Gli esempi pratici di sinergie tra fondi diretti hanno visto la presentazione di alcuni progetti di ricerca portati
avanti dai 7 Atenei di Tour4eu in diversi settori, dal Trasporto Intelligente ai Big Data, dalle innovazioni
tecnologiche nell’agroalimentare ai Sistemi Informativi Aerobiologici.

Il Prorettore alla Ricerca Marco Bindi ha affermato “Avere una visione chiara delle opportunità offerte
dal prossimo programma quadro dell’Unione europea e dagli altri programmi, nazionali ed
europei, rappresenta per l’università un punto di partenza imprescindibile per progettare in modo più
efficace la richiesta di fondi e raggiungere gli obiettivi di sviluppo e innovazione che l’Europa si è posta”.

Infine Cristiana Alfonsi Capo Segreteria Tecnica della Vice Presidente Monica Barni ha dato appuntamento al
3 dicembre prossimo in Regione Toscana dove si farà il punto sulle azioni realizzate in ambito ricerca dalla
Giunta Regionale in questi anni nell’ambito di un importante convegno dal titolo la ricerca va in scena al
teatro della compagnia a Firenze.

Link verso il documento.

20190925-ANSA - HORIZON

Ricerca Italia si mobilita per un bilancio Ue ambizioso

Da 2021, almeno 120mld per Horizon. Fra promotori Cnr ed Enea

BRUXELLES – Il mondo italiano della ricerca e dell’innovazione si mobilita per chiedere che il programma Horizon Europe sia dotato di un bilancio “ambizioso e all’altezza delle sfide europee”, “pari ad almeno 120 miliardi di euro”. Nel giorno in cui a Bruxelles prendono il via le Giornate europee della ricerca e dell’innovazione, una vasta rappresentanza del settore in seno al Giuri (Gruppo informale uffici di rappresentanza italiani per la r&i a Bruxelles) lancia un appello per sostenere la proposta del Parlamento Ue di aumentare il budget di Horizon Europe, il programma quadro europeo che dal 2021 sostituirà l’attuale Horizon 2020.

“Per l’Italia si tratta di un’occasione da non perdere” affermano i firmatari dell’appello, “il programma quadro europeo fa affluire ogni anno nel nostro paese quasi 700 milioni di euro: circa l’8% del totale della spesa pubblica italiana in R&S. I benefici vanno, tuttavia, molto al di là del solo ritorno economico”. La Commissione europea ha proposto per Horizon Europe una dotazione di 94,1 miliardi di euro. Fra i promotori dell’appello ci sono Apre (Agenzia per la promozione della ricerca europea), Cna (Confederazione nazionale dell’artigianato e delle pmi), Cnr, Enea, Enel, l’Istituto nazionale di fisica nucleare (Infn), Unioncamere, le università del Sacro cuore (Milano), di Bologna, Ferrara, Modena e Reggio-Emilia, Parma, nonché Tour4Eu, la rete degli atenei toscani, e le Regioni Toscana e Lombardia.

© Copyright ANSA

20190925-GIURI - PHOTO-2019-09-24-16-49-291

TOUR4EU – GIURI : MAGGIORI RISORSE ALLA RICERCA EUROPEA

TOUR4EU ADERISCE ALL’APPELLO DEL GIURI PER DESTINARE MAGGIORI RISORSE ALLA RICERCA EUROPEA

La rappresentanza delle Università toscane a Bruxelles è stata tra i primi firmatari dell’appello lanciato dal GIURI (Gruppo Informale Uffici di Rappresentanza Italiani per la Ricerca e Innovazione), con l’obiettivo di dotare il prossimo bilancio pluriennale relativo alla ricerca e innovazione dell’UE di risorse adeguate e all’altezza degli obiettivi scientifici e tecnologici, delle sfide economico-sociali che il vecchio continente si troverà ad affrontare con lo scopo di rendere l’Europa e l’Italia soggetti leader nello scenario mondiale.

Per l’Italia, si tratta di un’occasione da non perdere” affermano i firmatari dell’appello, “Il Programma Quadro europeo fa affluire ogni anno nel nostro paese quasi 700 milioni di euro: circa l’8% del totale della spesa pubblica italiana in R&S. I benefici vanno, tuttavia, molto al di là del solo ritorno economico.” Per tali ragioni l’appello ha visto il coinvolgimento di importanti esponenti italiani del settore accademico, imprenditoriale, della ricerca, degli enti locali e della finanza che si sono mobilitati a favore di questa iniziativa, pubblicata a pochi giorni dall’iniziativa organizzata dalla Commissione Europea, dal titolo European Research & Innovation Days.

La crescita e lo sviluppo futuro passerà attraverso politiche di sostegno a favore della ricerca e degli investimenti, volano per una maggiore competitività delle imprese del vecchio continente, nell’appello si chiede alle istituzioni europee di porre l’azione in materia di ricerca e innovazione al centro della futura agenda politica dell’UE. In questo senso, appare cruciale sostenere una dotazione finanziaria per Horizon Europe pari ad almeno 120 miliardi di euro, in linea con la posizione già espressa dal Parlamento europeo.

Gli investimenti in Ricerca e Innovazione (R&I) sono un fattore fondamentale per la crescita economica, la produttività e la creazione di posti di lavoro. Impegnare risorse pubbliche in R&I significa rafforzare le basi scientifiche e tecnologiche del nostro Paese e dell’Europa e promuoverne la competitività a livello globale.

SMARTCITY - smart_city.jpg

Smart city, fondi dall’UE per le città del futuro

Già in pista Parma e altre 6 città. Nuova roadmap a disposizione per le città

BRUXELLES – Rientrare dal lavoro usando un veicolo elettrico senza conducente e trovare a casa la cena consegnata a domicilio, i panni stirati e un bel mazzo di fiori freschi: a Parma e in altre quattro città europee questo scenario potrebbe diventare presto realtà grazie a un progetto pilota finanziato dal programma Ue Horizon 2020. Da tempo la città emiliana sta investendo molto nel modello di ‘smart city’, le ‘città intelligenti’ del futuro che puntano a creare una rete fra cittadini, imprese e amministrazioni pubbliche per fornire migliori servizi e un futuro più sostenibile grazie alle nuove tecnologie. Secondo gli addetti ai lavori, nell’attuale programmazione europea 2014-2020 le opportunità proveniente dalle diverse linee di finanziamento e strumenti finanziari messi a disposizione dall’UE per progetti legati direttamente o indirettamente ad un processo trasversale quale quello della Smart city arrivano a 456,6 miliardi di euro. In Italia sono già attive in questo ambito diverse città: oltre a Parma hanno diversi progetti in corso Milano, Firenze, Bolzano, Trento, Venezia e Lecce.

Per promuovere e facilitare l’accesso a questo processo di trasformazione arriva ora una nuova guida gratuita rivolta alle amministrazioni locali e alle parti interessate: la ‘Smart City Guidance Package’. Il volume, che presto sarà disponibile anche sul web, è strutturato come una roadmap suddivisa in sette passaggi che hanno come punto di riferimento i 17 obiettivi di sviluppo sostenibile 2030 dell’Onu. La metodologia di lavoro riportata nella guida è stata testata con successo in cinque città europee, fra cui Parma, ma alla sua realizzazione hanno contribuito anche Firenze, La Spezia, Milano, Pisa e Genova. Il volume è stato realizzato dalla ‘European Innovation partnership on smart cities and communities, un’iniziativa della Commissione Ue guidata dall’italiana Simona Costa, che a Bruxelles è anche responsabile di Tour4EU, l’associazione dei sette atenei toscani promossa dalla Regione Toscana e da Judith Borsboom van Beurden dell’Università Norvegese NTNU.

Print Friendly, PDF & Email

TOUR4EU Position Paper

Monica Barni, President of TOUR4EU and the Deputy Rectors of the 7 Universities from Tuscany all united for Research.

Tuscany and the seven universities take to the field in Brussels to make their voices heard about the future of European research and the Horizon Europe program, which will manage a large part of its funding from 2021. Monday and Tuesday a delegation led by the Vice President of the Region with responsibility for culture, Monica Barni, presented before representatives of the EU institutions – such as the Director General of the EU Commission’s Research DG, Jean Eric Paquet, and some MEPs – the position of the universities of Tuscany on the regulation of Horizon Europe 2021-2027. A technical document containing a series of comments to the legislative text prepared by Tour4Eu, the new organisation of Tuscan universities that aims to act as a catalyst for European funding for research, but also to strengthen the presence of universities in Europe. It includes the Universities of Florence, Pisa, Siena, University for foreigners of Siena, Scuola IMT High Studies Lucca, Scuola Normale Superiore and Scuola Superiore Sant’Anna.

“We presented the results of a strong political choice of the Tuscany Region, which has always wanted to create a collaboration between the universities and the research centers of Tuscany, with the aim of placing the center of the social and economic development of our region in high training and research,” explains Vice-President Barni. “Yesterday (Monday, ed), for example, was a very important moment of discussion with the general manager Paquet – he adds – who presented us what he thinks will be the novelties of the Horizon Europe program and that could be interesting for our universities.”

During the mission to Brussels, the Deputy Rectors of the universities “wanted” to give importance to the fact that also in the next Horizon program the universities and research centers can always be at the center, with the right balance between basic and applicative research. That without basic research innovation also makes little sense,” they explain together.

Download the document : Download Position Paper (PDF)

 

Presentato il programma delle università toscane

A Bruxelles abbiamo tenuto una serie di incontri tra cui il Direttore Generale della Ricerca Jean-Eric Paquet , per presentare il position paper delle università toscane”. Così la vicepresidente della Regione Toscana, Mosnica Barni, a margine della presentazione al Parlamento Ue del position paper sul futuro di Horizon europe, preparato da TOUR4EU.

Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev

Lanciata a Bruxelles Tour4Ue per promuovere la Ricerca toscana in UE

Lanciata a Bruxelles Tour4Ue per promuovere la Rricerca toscana in UE”. Così la vicepresidente della Regione Toscana, Mosnica Barni, a margine della presentazione al Parlamento Ue del position paper sul futuro di Horizon europe, preparato da TOUR4EU.

Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev

Ricerca, la Regione Toscana e le sue sette università presentano al Parlamento Europeo Tour4Eu

Una delegazione dalla Toscana composta dalla vice-Presidente e Assessore per la Ricerca e l’Università, Monica Barni, e dai Pro-rettori alla Ricerca delle sette università toscane (Università di Firenze, Università di Pisa, Università di Siena, Università per gli Stranieri di Siena, Scuola Normale Superiore di Pisa, Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa, Scuola IMT di Lucca) presenta al Parlamento Europeo un position paper sul futuro di Horizon Europe, preparato da TOUR4EU (Tuscan organisation of universities and research), un’associazione non profit che raggruppa la Regione Toscana e le sue sette università con l’obiettivo di aumentare le sinergie sul territorio legate al mondo della ricerca.

Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev

Importante la Ricerca di base

Bruxelles, 5 Marzo 2019 – Una delegazione dalla Toscana composta dalla vice-Presidente e Assessore per la Ricerca e l’Università, Monica Barni, e dai Pro-rettori alla Ricerca delle sette università toscane (Università di Firenze, Università di Pisa, Università di Siena, Università per gli Stranieri di Siena, Scuola Normale Superiore di Pisa, Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa, Scuola IMT di Lucca) presenta al Parlamento Europeo un position paper sul futuro di Horizon Europe, preparato da TOUR4EU (Tuscan organisation of universities and research), un’associazione non profit che raggruppa la Regione Toscana e le sue sette università con l’obiettivo di aumentare le sinergie sul territorio legate al mondo della ricerca.

Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev

Presentato il programma delle università toscane
1 of 4
Lanciata a Bruxelles Tour4Ue per promuovere la Ricerca toscana in UE
2 of 4
Ricerca, la Regione Toscana e le sue sette università presentano al Parlamento Europeo Tour4Eu
3 of 4
Importante la Ricerca di base
4 of 4

(Video : Agenzia Vista) Bruxelles, 05 marzo 2019

Print Friendly, PDF & Email

JRC – Toscana : New Action Plan with Tour4EU

Conoscere per decidere: accordo tra Regione Toscana e Joint Research Centre della Commissione Ue

(27 febbraio 2019 | 15:27)

FIRENZE – “Sono più che mai convinto della necessità di rafforzare la formazione e la ricerca e sono anche certo che il rapporto tra la scienza e la politica sia cruciale per il futuro di tutta l’Europa e della Toscana. Perchè la politica ed i processi decisionali, pur nella dialettica delle opinioni, non possono fare a meno di dati tecnici, di ricerche, di analisi, di evidenze scientifiche”. A dirlo il presidente della Toscana Enrico Rossi in occasione della presentazione alla Presentato questa mattina alla Conferenza dei rettori del “Memorandum of Understanding” (MoU), accordo di collaborazione scientifica tra la Regione Toscana e il Joint Research Centre (JRC) della Commissione Europea. L’Accordo, di durata quinquennale, prevede uno scambio reciproco di informazioni, prassi tecniche, metodologie e processi basati sulla evidenza scientifica tra le due istituzioni ed è finalizzato al rafforzare la collaborazione tra scienza e politica, tra ricerca e processi decisionali.

“Il sistema universitario toscano è di alto livello, così come la nostra ricerca – ha aggiunto Rossi – lo dimostra ogni giorno anche l’apprezzamento delle multinazionali che hanno scelto di investire in Toscana e che qui trovano le professionalità necessarie al loro sviluppo. Ma credo che per crescere ulteriormente la ricerca abbia bisogno di una dimensione europea. E’ una sfida comune ed importante, perchè è sulla ricerca e sull’innovazione che si gioca il futuro dell’Europa”.

“Per il JRC lavorano circa 3000 persone, l’83% dei quali dottori di ricerca – ha spiegato la direttrice del JRC Maria Betti – abbiamo oltre 1400 pubblicazioni all’anno  e 10 Direttorati, di cui 6 scientifici e due nati recentemente e pensati per gestire la conoscenza e mettere la scienza al servizio dei procedimenti decisionali. Lavoriamo per creare sinergie tra scienziati e politici dei paesi membri, oltre che partenariati per dottorati di ricerca, condivisione di dati, piattaforme e pubblicazioni”.

Soddisfazione anche da parte della vice presidente e assessore regionale alla cultura, università e ricerca Monica Barni. “Questo accordo ci inorgoglisce – ha detto – e creerà il contesto per poter sviluppare la collaborazione tra la Regione Toscana ed il JRC per il supporto scientifico ai processi decisionali e rafforzare ulteriormente la cooperazione tra le stesse Università sui temi della ricerca e dell’innovazione “.

Grazie al Memorandum la Regione potrà avvalersi della collaborazione con il JRC in tutti quegli ambiti di ricerca relativi al supporto scientifico al processo decisionale, come ad esempio: le Piattaforme digitali e gli open data; la Consulenza scientifica in settori strategici quali i Beni Culturali; gli Ecosistemi di innovazione e la Smart Governance; la Valorizzazione dell’alta formazione e della ricerca verso l’internazionalizzazione e i bisogni dell’Industria; la Protezione dei dati; l’Economia circolare; l’Agricoltura e la PAC.

L’Accordo, sarà attuato attraverso una serie di ‘action plan’ che individuano azioni specifiche da realizzare di anno in anno. Per il 2019, le due istituzioni sottoscriveranno un programma preliminare di attività nel contesto della visita della delegazione toscana prevista al sito JRC di Ispra (Va) il 28 febbraio, focalizzando l’attenzione sulle seguenti aree di lavoro: a) Piattaforme digitali e open government data; b) Consulenza scientifica nel settore dei Beni Culturali; c) Ecosistemi di innovazione in Agricoltura.

Il MoU ha l’obiettivo di promuovere la cooperazione scientifica tra le direzioni del JRC e le Università / Istituzioni di ricerca situati sull’intero territorio regionale. Le aree tematiche di primario interesse vanno dal trasferimento tecnologico e industria 4.0, alla bioeconomia, alimentazione, nutrizione e salute, all’ambiente, clima, energia e economia circolare, fino alle tematiche relative all’intelligenza artificiale e alla robotica.

Tale accordo è anche l’occasione per mettere in luce i più recenti asset della Regione Toscana in materia di coordinamento delle politiche di ricerca e innovazione, quali la costituzione dell’Associazione di diritto belga degli Atenei toscani Tour4EU (che raggruppa la Regione e tutte le Università toscane) e l’osservatorio per la Ricerca “Toscana Open Research.

Su questo, è anche incentrata la visita a Bruxelles del 4-5 marzo delle Università Toscane e della Vice Presidente della regione Toscana Monica Barni che, in rappresentanza di TOUR4EU, incontreranno il DG della Direzione Ricerca della Commissione europea, Jean-Eric Paquet, il Gabinetto del Commissario alla Ricerca, Carlos Moedas e diversi eurodeputati della Commissione Industria e Ricerca del Parlamento europeo.

Print Friendly, PDF & Email
VIDEO - V5.jpg

Rossi e Barni presentano Tour4EU

RT_TV01 - rossi-barni.jpgFIRENZE – L’obiettivo è promuovere gli interessi del sistema della ricerca toscana in Europa e aumentare i fondi europei in arrivo al sistema universitario. Con questo fine nasce Tour4Eu, associazione senza fini di lucro di diritto belga, costituita e presentata oggi a Bruxelles dal presidente della Toscana Enrico Rossi e dalla vice Monica Barni e che ha trovato casa presso la sede a Round de Schumann. Assieme alla Regione ne fanno parte tutte e sette le università toscane, ovvero Firenze, Pisa e Siena, l’Università per stranieri, l’IMT Alti Studi di Lucca, la Scuola normale superiore e la Scuola superiore Sant’Anna.

A Bruxelles già sono presenti moltissime altre reti, enti, centri di ricerca, università singole e consorziate: un migliaio sono quelle registrate. La neonata associazione dovrà interagire con le istituzioni dell’Unione europea, per intercettare le migliori opportunità e finanziamenti ma anche iniziative di particolare interesse. Incoraggerà la collaborazione fra ricercatori ed altri partner europeo. Promuoverà sinergie, internazionalizzazione, cooperazione scientifica e progettazione europea e lavorerà per favorire l’interazione degli atenei con il mondo industriale toscano più avanzato e innovativo in modo da partecipare insieme alle opportunità offerte dai bandi europei.

I fondi comunitari a disposizione delle Regioni nei prossimi anni rischiano di arretrare. Quelli per la ricerca passeranno invece, dopo il 2020, dagli attuali 80 miliardi ai 100 del prossimo settennato, secondo la proposta della Commissione formalizzata lo scorso 2 maggio. La partita è dunque importante e il settore va presidiato. “L’associazione garantirà un monitoraggio attento dei bandi e rapporti costanti con i settori dell’Ue che si occupano di queste tematiche” spiega Rossi. “Questo rapporto più stretto con Bruxelles – aggiunge –  servirà anche a rafforzare una mentalità europea. L’Europa non è solo infatti un posto a cui ci si rivolge per avere i fondi, ma un modo di pensare”.

Tour4Eu sarà anche un punto di riferimento fondamentale per le politiche di mobilità e cooperazione transazionale a supporto dei programmi di ricerca delle università. Contribuirà infine a promuovere sinergie tra Regione, il mondo delle imprese e le Università, favorendo le strategia di ‘smart specialisation’ e il consolidamento dell’ecosistema regionale per l’innovazione e la cooperazione. “La ricerca toscana va piuttosto bene, oggi riusciamo già a ottenere circa l’8-10% dei finanziamenti che arrivano in Italia – commenta la vice presidente e assessore alla ricerca, Monica Barni – Si tratta di circa 30 milioni di euro l’anno. L’intenzione è quella di aumentare questa cifra. Di quanto? Difficile dare delle cifre. Il consorzio avrà un cda che dovrà fissare degli obiettivi raggiungibili, questa è la cosa più importante”.

La delegazione toscana stamani a Bruxelles ha approfittato dell’occasione anche per incontrare il vice presidente della Commissione Industria e Ricerca del Parlamento europeo, Patrizia Toia, il vice capo gabinetto del commissario alla ricerca Carlos Moedas, Giulia Del Brenna.

Nel corso di una tavola rotonda è stato inoltre presentato a Bruxelles “Toscana Open Research”, l’osservatorio e portale regionale per la ricerca e l’innovazione tenuto a battesimo a novembre e già diventato un esempio di buona pratica per il resto d’Italia. Di fatto è un piattaforma che mette a disposizione in formato aperto i dati sul sistema regionale della ricerca, utilizzabili a seconda delle necessità da parte di tutto il sistema economico e sociale: uno strumento utile per chi amministra e deve programmare, per chi è in cerca di idee, sinergie e collaborazioni.

© Copyright : Toscana Notizie

Presentazione Tour4EU

Nasce Tour4Eu per promuovere gli interessi del sistema della ricerca toscana e aumentare i fondi europei destinati al sistema universitario.

 

 

Presentazione Tour4EU
1 of 1
Print Friendly, PDF & Email