20200504-HACKATON - HACKATON

Hackathon #EUvsVirus selezionate oltre 100 soluzioni innovative per rispondere all’epidemia

“Sono di grande valore i quattro progetti con cui la Toscana ha partecipato all’Hackathon di EUvsVirus – una lunga maratona on line che si è tenuta dal 24 al 26 aprile scorso – e ho molto apprezzato la presenza durante i dibattiti di diversi esperti delle Università di Pisa, Siena e della Scuola Normale di Pisa a supporto dei lavori e come membri della giuria”. Lo ha affermato Monica Barni, Vice Presidente della Regione di Regione Toscana e Ambasciatrice dell’Iniziativa EUvsVirus.

In totale 2.100 sono stati i progetti presentati in questo hackathon paneuropeo, il più grande mai organizzato e che ha contato 22.600 partecipanti, provenienti da vari contesti della società civile, della tecnologia, dell’assistenza sanitaria e degli investimenti di tutta Europa.

L’Italia è stato il paese con il maggior numero di partecipanti registrati e 320 progetti “made in Italy” con una presenza diffusa su tutte le sei challenge previste. Di questi, sei sono stati votati come i migliori delle challenge, e sedici hanno raggiunto il secondo e terzo posto. I progetti spaziavano dall’uso dell’ l’intelligenza artificiale per agevolare la preparazione e valutazione degli esami come “aiLearning “ al facilitatore nell’inserimento lavorativo “Jobiri”, al supporto allo studio a distanza “WeStudyTogether” e “MeMentoring” oppure la realizzazione di esperienze culturali a distanza come“Guide-Your-Guide”.

“Mi congratulo con i partecipanti toscani che in così breve tempo hanno aderito a questa importante iniziativa europea proponendo soluzioni innovative i cui risultati saranno di certo impatto anche per il sistema regionale” ha proseguito Monica Barni ricordando che il prossimo appuntamento è previsto dal 22 al 25 maggio dove i progetti vincitori incontreranno dei possibili investitori in un Matchathon e attraverso una nuova piattaforma dell’European Innovation Council “EIC COVID Platform”.

I Progetti che hanno visto una partecipazione Toscana sono stati :

  • HOPE – “Health Operators Protection Experimentation” progetto per confermare l’efficacia di applicazione di un preparato sperimentale a superfici tessili diverse (tra cui mascherine facciali) allo scopo di renderle permanentemente antivirali, presentato dal Prof. Pierangelo Geppetti dell’Università di Firenze,  dal Prof. Mauro Pistello dell’Università di Pisa, dal Prof. Giorgio Iervasi del CNR-IFC e dal Dott. Enrico Capochiani dell’Asl Toscana Nord Ovest insieme a Nanopool GmbH
  • Tolerability and safety of Chlorhexidine and use of PPE” progetto proposto dal dott. Paolo Roncucci, Direttore UOC Anestesia e Rianimazione, Ospedali Riuniti di Livorno. Video

  • Nano-Covid 19” progetto che ha visto la partecipazione del prof. Francesco Dotta Direttore del Dipartimento di scienze mediche e chirurgiche dell’Università di Siena e coordinato dalla Dott.ssa Antonietta Gatti Capo laboratorio della società modenese Nanodiagnostic srl. Video
  • RESPIRE “REduce cytokine storm in acute reSPIratory DistREss” progetto proposto dal Dott. Enrico Capochiani, Direttore dell’Unità operativa complessa ematologia dell’Asl Toscana nord ovest.

Maggiori informazioni sui progetti italiani che hanno partecipato all’iniziativa sono disponibili qui. I progetti vincitori sono consultabili sul sito dell’Hackathon #EU vs Virus.

20200423-UNIPI

Firmato accordo tra gli enti di ricerca pisani e Joint Research Centre della Commissione Europea

La collaborazione avrà durata quinquennale

È stato firmato l’8 aprile scorso l’accordo quadro di collaborazione di ricerca tra il Joint Research Centre (JRC, il servizio scientifico interno della Commissione Europea) e l’ecosistema di ricerca pisano, rappresentato dall’Università di Pisa, la Scuola Normale Superiore, la Scuola Superiore Sant’Anna, il Consiglio Nazionale delle Ricerche (sede di Pisa), l’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (sede di Pisa), l’Osservatorio Gravitazionale Europeo e l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (sede di Pisa).

L’idea della collaborazione, promossa dal professor Francesco Marcelloni (prorettore alla cooperazione e relazioni internazionali dell’Università di Pisa) in collaborazione con il professor Lisandro Benedetti-Cecchi (prorettore per la ricerca in ambito europeo e internazionale) e da Maria Betti, direttrice dello EC, JRC ‐ Directorate G for Nuclear Safety and Security, è nata il 18 maggio 2018 quando l’Università di Pisa ha organizzato e ospitato un workshop di presentazione delle attività del JRC e dell’intero ecosistema di ricerca pisano. A seguito del workshop, la collaborazione tra JRC, Università di Pisa e gli altri enti di ricerca sopra elencati è proseguita attraverso l’organizzazione di incontri tematici presso la sede JRC di ISPRA (VA) e si è infine concretizzata in questo accordo di collaborazione.

L’accordo quadro avrà durata quinquennale con possibilità di rinnovo. L’Università di Pisa svolgerà il ruolo di referente della collaborazione con l’obiettivo di facilitare i rapporti tra JRC e tutti gli enti di ricerca firmatari dell’accordo.

Grazie a questo accordo, le istituzioni pisane coinvolte potranno collaborare in maniera duratura ed efficace con il JRC, contribuendo alla comprensione e risoluzione delle problematiche di ricerca comuni, elencate qui di seguito.

  • Ricerca e valutazione nutraceutica, Tecnologie e biotecnologie alimentari, Imaging biomedico e medicina ambientale.
  • Liquidi ionici nella trasformazione della biomassa o nel trattamento dei rifiuti, Materie prime per batterie e applicazioni biomediche.
  • “Wearables” e Intelligenza Artificiale per le malattie legate alle emozioni e allo stress, “Deep and Machine Learning”, “Cybersecurity”, “Cloud and Big Data”, applicazioni dell’Industria 4.0.
  • Uso del suolo e cambiamenti climatici, Biodiversità marina e servizi ecosistemici, Specie invasive, Energia sicura, pulita ed efficiente, Permafrost e clima in ambiente di alta montagna.
  • Applicazioni dell’energia nucleare in ambito medico, del monitoraggio ambientale, dell’Intelligenza Artificiale e alla robotica.
  • Osservazione della terra e dell’atmosfera, Rischi naturali e artificiali, Gestione del rischio di catastrofi, Utilizzo e stoccaggio del carbonio.
  • Applicazioni della tecnologia dei rivelatori di onde gravitazionali, Sensori ottici ed elettronica a basso rumore, Ottica adattiva, Monitoraggio sismico e ambientale.
  • Economia circolare: contabilità e valorizzazione dei rifiuti alimentari.
  • Clima, Inquinamento dell’aria, Meteorologia ed ecologia terrestre.
  • 20 aprile 2020

 

On Line Versions

[English version]

[Versione Italiana]

20200423-COVID - BARNI2

Coronavirus, le università e gli enti di ricerca toscani dialogano con l’Europa per trovare soluzioni innovative

Tre giorni di maratona telematica paneuropea. La dichiarazione dell’assessore Barni. Un premio alle idee migliori.

Durerà tre giorni, dal 24 al 26 aprile prossimi The Pan European hackathon, la maratona online tra ricercatori universitari ed esperti, collegati virtualmente per elaborare strategie innovative per combattere il corona virus.

Ne dà notizia l’assessora all’università e ricerca e vicepresidente della Regione Toscana, Monica Barni, nella sua qualità di presidente di Tour4Eu, l’associazione europea di cui fanno parte anche i sette atenei toscani.

“La rappresentanza delle Università toscane a Bruxelles – spiega Monica Barni – è partner ufficiale del primo hackathon paneuropeo organizzato congiuntamente dalla Commissione e dagli Stati membri, per collegare la società civile, gli innovatori, i partner e gli investitori di tutta Europa al fine di sviluppare soluzioni innovative e superare la crisi legata al coronavirus”.

L’#EUvsVirus Hackathon fronteggerà almeno venti imminenti sfide imposte dall’emergenza, tra le quali la produzione rapida di apparecchiature, il potenziamento delle capacità di produzione, il trasferimento di conoscenze e soluzioni da un paese all’altro. Lo farà proponendo idee e strumenti operativi da sviluppare rapidamente e da distribuire in tutta l?unione. Sono sei sono i macro-temi al centro dell’impegno: salute e vita, continuità economica, lavoro da remoto e educazione, coesione sociale politica, finanza digitale e categorie aperte.

“Sono davvero onorata – prosegue la vicepresidente Barni – di aver ricevuto la nomina ad ambasciatrice di questo evento e mi impegnerò affinché sia valorizzato e diffuso tra i più importanti attori della ricerca e socioeconomici sia a livello regionale che nazionale. La Regione Toscana, in particolare, si è molto impegnata in azioni finalizzate al contenimento del contagio sul territorio e si sta ora preparando ad affrontare al meglio l’avvio della Fase 2 per un graduale ritorno alla normalità. L’Hackathon, in questo senso, è un’occasione importante di cooperazione scientifica che vede ricercatori di svariate discipline e provenienti da diversi paesi al fianco per una sfida comune e globale i cui risultati avranno un impatto fortissimo sulla popolazione. Anche le nostre Università sono pronte a mettere a disposizione competenze, professionalità, strutture, risorse umane e finanziarie, collaborando, cooperando e mettendo in atto ogni azione possibile per il raggiungimento di obiettivi concreti, come dimostrano i validi progetti presentati in risposta alla call del Programma IMI 2 e la disponibilità a partecipare a questo hackathon, a cui noi tutti teniamo davvero molto”.

Per citare qualche proposta concreta, parteciperanno team di università, CNR e imprese toscane portando la loro esperienza su trattamenti per esempio volti a ridurre il numero di pazienti in ventilazione, soluzioni su mascherine a basso costo e più protettive delle attuali, medicina di connessione personalizzata all’era COVID, soluzioni per la sanificazione dei dispositivi medici ma anche soluzioni per servizi virtuali di interfaccia tra le amministrazioni pubbliche e i cittadini oltre a metodologie su come isolare il virus SARS-COV2.

Nell’iniziativa sono coinvolti tutti i 27 Stati membri dell’UE, oltre a Norvegia, Israele, Svizzera e Ucraina, paesi associati a Orizzonte 2020, il programma dell’UE per la ricerca e l’innovazione. Le soluzioni vincitrici saranno invitate a far parte della Piattaforma del Consiglio Europeo per l’Innovazione, che faciliterà le connessioni con gli utenti finali (ad esempio gli ospedali) e fornirà accesso a investitori, fondazioni e altre opportunità di finanziamento da tutti i canali della Commissione Europea.

Per chi volesse iscriversi o parteciparvi l’invito è quello di consultare il sito https://euvsvirus.org

La premiazione delle idee migliori avverrà il 30 aprile alle 11.30

Ambassadors

Un Hackathon europeo per proporre idee innovative ai problemi legati al coronavirus

BRUXELLES – Un Hackathon europeo per proporre idee innovative ai problemi legati al coronavirus.

L’iniziativa ‘EUvsVIRUS’ si svolgerà dal 24 al 26 aprile, coinvolti i 27 Stati membri dell’Ue, Norvegia, Israele, Svizzera e Ucraina. “Le nostre menti più talentuose faranno del loro meglio per trovare soluzioni e supportare i nostri cittadini”, ha detto la commissaria europea per l’innovazione Mariya Gabriel, che ha patrocinato l’iniziativa. I temi su cui i partecipanti saranno chiamati a proporre idee sono salute e vita, continuità aziendale, lavoro e istruzione a distanza, coesione sociale e politica, finanza digitale. I progetti vincitori faranno parte della Piattaforma del Consiglio Europeo per l’Innovazione, che faciliterà le connessioni con utenti finali (ad esempio ospedali) e investitori. Partner dell’iniziativa sono Confindustria, Hack4Italy e l’Associazione delle Università Toscane per la ricerca in Europa Tour4eu. “Dopo il successo degli hackathon nazionale e globale, siamo felici di aiutare nell’organizzazione dell’edizione paneuropea”, ha detto il curatore nazionale di EUvsVirus, e team leader di Hack4Italy, Oleksandr Komarevych. “Le Università sono pronte a mettere a disposizione competenze, professionalità, strutture, risorse umane e finanziarie, collaborando per il raggiungimento di obiettivi concreti”, ha detto la presidente di Tour4eu Monica Barni.

20200127-ricvainscena - vid_ricvainscena

La ricerca va in scena.

Il convegno – organizzato a Firenze dalla Regione – ha messo a confronto ricercatori e istituzioni sull’importanza degli investimenti pubblici nello sviluppo.

La ricerca va in scena.
La ricerca va in scena.
1 of 1
20191128-MB_UE - UvanderL

MONICA BARNI SODDISFATTA PER l’INSERIMENTO DEI NOMI ‘RICERCA’ E ‘CULTURA’ NEL PORTAFOGLIO UE

La Vice Presidente della Regione Toscana, Monica Barni, e Presidente di Tour4Eu, l’Associazione che raggruppa a Bruxelles le Università e le Scuole toscane si è rallegrata del nuovo titolo assegnato al portafoglio della ricerca e cultura dalla appena insediata Presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen.

“Sono molto contenta che il nuovo portafoglio della Commissaria Mariya Gabriel si chiami ‘Ricerca, Innovazione, Educazione, Cultura e Gioventù’. In questi mesi la Regione Toscana e Tour4eu hanno sostenuto con forza l’introduzione delle parole ‘Ricerca e Cultura’ in questo portafoglio, visto che corrispondono a delle competenze fondamentali della nuova Commissione. Continueremo a batterci per un incremento del bilancio di Horizon Europe difendendo la soglia di 130 miliardi, al cui interno auspichiamo delle linee di finanziamento adeguato per gli ambiti Cultura, Educazione e Gioventù sia nel programma quadro di ricerca 2021-2027, che nei programmi tematici Erasmus plus, che Creative Europe. Faccio inoltre i miei migliori auguri alla Commissaria Mariya Gabriel dicendole che Tour4eu e la Toscana sono pronte ad avviare una proficua collaborazione su tutti i temi che riguardano il collegamento tra la ricerca e il nostro territorio.  Diamo appuntamento a tutti gli attori della ricerca in Toscana al prossimo 3 dicembre a Firenze con il seminario “la Ricerca va in scena” dove presenteremo i risultati della ricerca in Toscana e future prospettive alla presenza del Ministro Lorenzo Fioramonti e del Presidente Enrico Rossi”. Ha dichiarato Monica Barni.

20191106-COM_STAMPA - COM_STAMPA_20191106-2

Verso Horizon Europe (comunicato stampa)

Le sinergie tra Horizon Europe e gli altri programmi europei

Firenze, 30 ottobre 2019

Si è tenuto oggi presso l’Aula Magna del Rettorato l’incontro pubblico organizzato da APRE – Agenzia per la
Promozione della Ricerca Europea e dall’Università degli Studi di Firenze, in collaborazione con TOUR4EU
(Tuscan Organisation of Universities and Research for Europe), sulle possibili sinergie tra il nuovo Programma
Quadro per la Ricerca e l’Innovazione Horizon Europe e gli altri programmi europei.

L’iniziativa ha offerto l’occasione per un’attenta riflessione sullo scenario futuro dei fondi comunitari
connessi direttamente e indirettamente con il sistema di ricerca e innovazione, valutandone le opportunità
e le convenienze, ma anche le eventuali difficoltà riscontrabili nel processo di costruzione di sinergie.

Dopo i tradizionali saluti istituzionali del Prorettore Vicario dell’Università di Firenze, Vittoria Perrone
Compagni, e del Direttore di APRE, Marco Falzetti, l’evento è stato aperto dall’intervento del Viceministro
dell’Istruzione, Università e Ricerca, Anna Ascani.

Tra gli interventi hanno spiccato: quello di Magda De Carli, della DG Ricerca e Innovazione, che ha fornito un
chiaro quadro informativo sullo stato attuale delle sinergie tra i programmi, prevedendone le successive
evoluzioni in Horizon Europe e ricordando che gli aiuti di stato non rappresenteranno più un ostacolo per
l’attuazione delle sinergie nella prossima programmazione; e quelli di Annalisa Bogliolo, esperta della DG
Connect D.1 che ha illustrato il nuovo programma digital Europe e lo strumento dei Digital Innovation Hubs
per promuovere l’innovazione per imprese e autorità in ambito regionale oltre a August Escardino Malva,
Capo Unità “EIC Fund”, e Sara Pagliai, Coordinatrice dell’Agenzia Erasmus+ INDIRE e Giuliana di Francesco del
Mibact per il programma Europa Creativa.

Particolarmente rilevante, poi, anche il focus sul panorama nazionale con Nicoletta Amodio, di Confindustria,
Marco Bindi dell’Università di Firenze, Serena Angioli dell’Agenzia Nazionale per i Giovani e Angelita Luciani
della Regione Toscana. Angelita Giuliani Autorità di Gestione di POR CREO Toscana, ha ricordato che il
Programma Operativo Regionale toscano CREO impegna più della metà delle risorse per la Ricerca e Sviluppo
e che La strategia di specializzazione intelligente rappresenta il paradigma per tutte le politiche di R&I. Il fatto
che la commissione stia risolvendo il problema degli aiuti di stato per la programmazione prossima sarà
certamente un incentivo a promuovere le sinergie tra fondi.

Gli esempi pratici di sinergie tra fondi diretti hanno visto la presentazione di alcuni progetti di ricerca portati
avanti dai 7 Atenei di Tour4eu in diversi settori, dal Trasporto Intelligente ai Big Data, dalle innovazioni
tecnologiche nell’agroalimentare ai Sistemi Informativi Aerobiologici.

Il Prorettore alla Ricerca Marco Bindi ha affermato “Avere una visione chiara delle opportunità offerte
dal prossimo programma quadro dell’Unione europea e dagli altri programmi, nazionali ed
europei, rappresenta per l’università un punto di partenza imprescindibile per progettare in modo più
efficace la richiesta di fondi e raggiungere gli obiettivi di sviluppo e innovazione che l’Europa si è posta”.

Infine Cristiana Alfonsi Capo Segreteria Tecnica della Vice Presidente Monica Barni ha dato appuntamento al
3 dicembre prossimo in Regione Toscana dove si farà il punto sulle azioni realizzate in ambito ricerca dalla
Giunta Regionale in questi anni nell’ambito di un importante convegno dal titolo la ricerca va in scena al
teatro della compagnia a Firenze.

Link verso il documento.

20190925-ANSA - HORIZON

Ricerca Italia si mobilita per un bilancio Ue ambizioso

Da 2021, almeno 120mld per Horizon. Fra promotori Cnr ed Enea

BRUXELLES – Il mondo italiano della ricerca e dell’innovazione si mobilita per chiedere che il programma Horizon Europe sia dotato di un bilancio “ambizioso e all’altezza delle sfide europee”, “pari ad almeno 120 miliardi di euro”. Nel giorno in cui a Bruxelles prendono il via le Giornate europee della ricerca e dell’innovazione, una vasta rappresentanza del settore in seno al Giuri (Gruppo informale uffici di rappresentanza italiani per la r&i a Bruxelles) lancia un appello per sostenere la proposta del Parlamento Ue di aumentare il budget di Horizon Europe, il programma quadro europeo che dal 2021 sostituirà l’attuale Horizon 2020.

“Per l’Italia si tratta di un’occasione da non perdere” affermano i firmatari dell’appello, “il programma quadro europeo fa affluire ogni anno nel nostro paese quasi 700 milioni di euro: circa l’8% del totale della spesa pubblica italiana in R&S. I benefici vanno, tuttavia, molto al di là del solo ritorno economico”. La Commissione europea ha proposto per Horizon Europe una dotazione di 94,1 miliardi di euro. Fra i promotori dell’appello ci sono Apre (Agenzia per la promozione della ricerca europea), Cna (Confederazione nazionale dell’artigianato e delle pmi), Cnr, Enea, Enel, l’Istituto nazionale di fisica nucleare (Infn), Unioncamere, le università del Sacro cuore (Milano), di Bologna, Ferrara, Modena e Reggio-Emilia, Parma, nonché Tour4Eu, la rete degli atenei toscani, e le Regioni Toscana e Lombardia.

© Copyright ANSA

20190925-GIURI - PHOTO-2019-09-24-16-49-291

TOUR4EU – GIURI : MAGGIORI RISORSE ALLA RICERCA EUROPEA

TOUR4EU ADERISCE ALL’APPELLO DEL GIURI PER DESTINARE MAGGIORI RISORSE ALLA RICERCA EUROPEA

La rappresentanza delle Università toscane a Bruxelles è stata tra i primi firmatari dell’appello lanciato dal GIURI (Gruppo Informale Uffici di Rappresentanza Italiani per la Ricerca e Innovazione), con l’obiettivo di dotare il prossimo bilancio pluriennale relativo alla ricerca e innovazione dell’UE di risorse adeguate e all’altezza degli obiettivi scientifici e tecnologici, delle sfide economico-sociali che il vecchio continente si troverà ad affrontare con lo scopo di rendere l’Europa e l’Italia soggetti leader nello scenario mondiale.

Per l’Italia, si tratta di un’occasione da non perdere” affermano i firmatari dell’appello, “Il Programma Quadro europeo fa affluire ogni anno nel nostro paese quasi 700 milioni di euro: circa l’8% del totale della spesa pubblica italiana in R&S. I benefici vanno, tuttavia, molto al di là del solo ritorno economico.” Per tali ragioni l’appello ha visto il coinvolgimento di importanti esponenti italiani del settore accademico, imprenditoriale, della ricerca, degli enti locali e della finanza che si sono mobilitati a favore di questa iniziativa, pubblicata a pochi giorni dall’iniziativa organizzata dalla Commissione Europea, dal titolo European Research & Innovation Days.

La crescita e lo sviluppo futuro passerà attraverso politiche di sostegno a favore della ricerca e degli investimenti, volano per una maggiore competitività delle imprese del vecchio continente, nell’appello si chiede alle istituzioni europee di porre l’azione in materia di ricerca e innovazione al centro della futura agenda politica dell’UE. In questo senso, appare cruciale sostenere una dotazione finanziaria per Horizon Europe pari ad almeno 120 miliardi di euro, in linea con la posizione già espressa dal Parlamento europeo.

Gli investimenti in Ricerca e Innovazione (R&I) sono un fattore fondamentale per la crescita economica, la produttività e la creazione di posti di lavoro. Impegnare risorse pubbliche in R&I significa rafforzare le basi scientifiche e tecnologiche del nostro Paese e dell’Europa e promuoverne la competitività a livello globale.

SMARTCITY - smart_city.jpg

Smart city, fondi dall’UE per le città del futuro

Già in pista Parma e altre 6 città. Nuova roadmap a disposizione per le città

BRUXELLES – Rientrare dal lavoro usando un veicolo elettrico senza conducente e trovare a casa la cena consegnata a domicilio, i panni stirati e un bel mazzo di fiori freschi: a Parma e in altre quattro città europee questo scenario potrebbe diventare presto realtà grazie a un progetto pilota finanziato dal programma Ue Horizon 2020. Da tempo la città emiliana sta investendo molto nel modello di ‘smart city’, le ‘città intelligenti’ del futuro che puntano a creare una rete fra cittadini, imprese e amministrazioni pubbliche per fornire migliori servizi e un futuro più sostenibile grazie alle nuove tecnologie. Secondo gli addetti ai lavori, nell’attuale programmazione europea 2014-2020 le opportunità proveniente dalle diverse linee di finanziamento e strumenti finanziari messi a disposizione dall’UE per progetti legati direttamente o indirettamente ad un processo trasversale quale quello della Smart city arrivano a 456,6 miliardi di euro. In Italia sono già attive in questo ambito diverse città: oltre a Parma hanno diversi progetti in corso Milano, Firenze, Bolzano, Trento, Venezia e Lecce.

Per promuovere e facilitare l’accesso a questo processo di trasformazione arriva ora una nuova guida gratuita rivolta alle amministrazioni locali e alle parti interessate: la ‘Smart City Guidance Package’. Il volume, che presto sarà disponibile anche sul web, è strutturato come una roadmap suddivisa in sette passaggi che hanno come punto di riferimento i 17 obiettivi di sviluppo sostenibile 2030 dell’Onu. La metodologia di lavoro riportata nella guida è stata testata con successo in cinque città europee, fra cui Parma, ma alla sua realizzazione hanno contribuito anche Firenze, La Spezia, Milano, Pisa e Genova. Il volume è stato realizzato dalla ‘European Innovation partnership on smart cities and communities, un’iniziativa della Commissione Ue guidata dall’italiana Simona Costa, che a Bruxelles è anche responsabile di Tour4EU, l’associazione dei sette atenei toscani promossa dalla Regione Toscana e da Judith Borsboom van Beurden dell’Università Norvegese NTNU.

Print Friendly, PDF & Email